L'infinito in sé è piatto e poco interessante. Guardare un cielo notturno è guardare l'infinito: le distanze incommensurabili sono incomprensibili e quindi senza senso.
Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti, 1979

Infinito Errore fa tutto da sè.
Costruiamo i telai in legno e li tesiamo a mano, abbiamo costruito l'attrezzatura a mano.
Lo facciamo a mano, perchè è l'unico modo per ottenere il risultato.
Non siamo in competizione con le macchine; belle, veloci e precise. Ma loro fanno un'altra cosa.
Il risultato a cui miriamo è realizzare una stampa sopra un capo di abbigliamento che abbia valore.
Il valore è generato dalla nostra comprensione delle cose, dalla nostra abilità nel realizzarle, dalla nostra cura nel proporle e dalla vostra attenzione nel guardarle.
Niente che ha a che vedere con le macchine, come si vede.